Dal 12 al 19 luglio 2020

Reno, un fiume di leggende

In bicicletta su Eurovelo 15 da Heidelberg a Colonia

Dal 12 al 19 luglio 2020

 

L’intero corso del Reno è affiancato da almeno una pista ciclabile, sia nel tratto svizzero che in quello francese, tedesco ed olandese per oltre 1200 km da Andermatt a Rotterdam. L’ECF ha inserito l’intero itinerario nella rete Eurovelo con il numero 15 e si tratta dell’unico Eurovelo interamente certificato dalla federazione europea.

Noi percorreremo circa 300 km quasi interamente lungo le ciclovie, partendo però da Heidelerg, che si trova a qualche km di distanza dal fiume, come per prendere la rincorsa prima di affiancarlo per poi seguirlo fino a Colonia rimanendo quasi sempre sul lato sinistro seguendo le indicazioni della ciclovia nazionale D8 "Rheinradweg" e Eurovelo 15, l'unico itinerario Eurovelo certificato dall'European Cyclists' Federation. L’itinerario si snoda nel cuore dell’Europa, terra di leggende e di elementi storici che di fatto hanno creato la cultura dell’umanità e dell’Europa così come la conosciamo oggi. Basti pensare che è stato sulle sponde di questo fiume che è stato incoronato Carlo Magno, è stata inventata la stampa e ha avuto i natali il grande compositore Beethoven. Ma sono solo alcuni degli elementi che contribuiscono a creare la suggestione di questo viaggio, che non riuscirete a dimenticare facilmente.

 

Le 10 cose che non potete farvi scappare in questo viaggio:

1) conoscere Heidelberg, capirete perché grandi filosofi hanno scelto questa città per studiare e scrivere le loro teorie.

2) la vista dell’imponente cattedrale di Worms al momento dell’ingresso in città

3) la piazza di Oppenheim e un assaggio dei vini delle sue cantine

4) il Reno che si incunea tra le colline e la vista della Lorelei, teatro in antichità di numerose catastrofi fluviali per le quali i marinai hanno dato la colpa alla povera sirena.

5) gli innumerevoli castelli che si stagliano come a far la guardia al grande fiume

6) la teleferica sul fiume per raggiungere il castello sulla sponda opposte a Coblenza

7) quel che rimane del ponte di Remagen e la consapevolezza che l’Europa come la conosciamo è passata dalla conquista di questo ponte.

8) La musica e l’atmosfera di Beethoven che si respira tra le strade di Bonn

9) la compagnia di barche, battelli e chiatte che navigheranno al nostro fianco mentre stiamo pedalando lungo il fiume

10) la cattedrale di Colonia, impareggiabile per magnificenza.

 

QUOTA DI PARTECIPAZIONE €880
Il costo comprende:
- Servizio con pullman GT riservato per trasferimenti, trasporto bici/bagaglio per intero viaggio.
- Accompagnatori FIAB durante tutto il percorso in bici,
- 6 notti in hotel 4* e una in hotel 3* con servizio B&B,
- Sala/Parcheggio riservato per biciclette nelle varie strutture,
- 4 cene,
- visite guidate Heidelberg e duomo di Colonia,
- Assicurazione medico bagaglio.

Extra facoltativi:
- polizza annullamento € 30 in doppia € 40 in singola
- supplemento singola 250 €

escluso dal costo del viaggio:
- viaggio fino al punto di partenza del bus,
- bevande nelle cene,
- mance, eventuali ingressi,
- Tutto quanto non espressamente indicato nella quota comprende.

Il viaggio sarà confermato con 32 persone paganti.

Scadenze pagamenti:
- €250 + eventuali supplementi facoltativi entro 3 giorni dall’iscrizione
- €300 entro il 15 maggio 2020
- €330 entro il 25 giugno 2020

 

Accompagnatore Michele Mutterle

Per informazioni: info@fiab-onlus.it


Domenica 12 luglio

viaggio in bus con carrello portabiciclette da Vicenza con tappe a Verona e Milano fino ad Heidelberg. Se il traffico lo consente arrivo entro le 20, cena libera in città.


Lunedì 13 luglio

Heidelberg – Worms 45 km. Mattino visita guidata a piedi per Heidelberg e scarico biciclette, partenza verso le 14. Arrivo a Worms, capitale del regno dei Burgundi e città in cui è stato siglato lo storico concordato tra Enrico V e il papa Callisto II. Worms e la saga dei Nibelunghi sono indissolubilmente unite. Chi vuole potrà cercare I tesori della saga che si nascondono negli angoli della città. Di grande impatto la cattedrale che si erge nel punto più alto della città. Cena in albergo. 


Martedì 14 luglio

Worms – Magonza – 60 km. Sosta pranzo a Oppenheim, con le sue numerose cantine e sede del museo della viticultura tedesca. La Chiesa di Santa Caterina è l’edificio gotico più importante che si può trovare nel tratto d’Europa compreso tra Strasburgo e Colonia. Arrivo a Magonza città sulla confluenza Reno – Meno, importante città in cui Gutenberg inventò la stampa e impresse i primi volumi. La città ospita uno dei più antichi musei della stampa con sale dedicate allo sviluppo della scrittura e dei macchinari. Il museo Gutenberg chiude alle 17. Cena libera in città. 



Mercoledì 15 luglio

A Boppard via Magonza 80 km. Dopo una 20ina di km entriamo ad Ingelheim, dove si possono ancora visitare i resti dell’Aula Regia”, cioè il luogo in cui fu incoronato Carlo Magno, con l’interessante piccolo museo annesso. In questa tappa il Reno si restringe e si incunea tra i monti, come nel suggestivo tratto in cui si trova la Lorelei. La Lorelei non è altro che una roccia che si erge nel lato destro del fiume, il più stretto dopo che il corso del reno ha lasciato la Svizzera. Secondo la leggenda la sirena Lorelei pettinava i suoi lunghi capelli e attirava i barcaioli con la sue canzoni verso le più pericolose correnti del fiume e poi contro le rocce dove miseramente naufragavano. Questa è l’unica tappa con qualche salitella. Bingen, dove faremo la pausa pranzo, è considerata la porta di ingresso all’alto medio Reno e sito UNESCO. Qui attraverseremo il Drususbrücke (ponte Druso) di epoca romana, che è uno dei più antichi ponti in pietra della Germania. Subito dopo su un’isola nel Reno all’altezza della confluenza con il fiume Nahe vedremo la Binger Mäuseturm, anch’essa ammantata di leggende, che si affaccia sul castello di Ehrenfels. Tra qui e Bonn vicino alle sponde del grande fiume sono stati edificati non meno di 50 castelli, palazzi e monumenti nazionali che ci faranno da sfondo durante il nostro viaggio in bicicletta. Il paesaggio che si può scorgere lungo il tratto di fiume da qui a Coblenza è stato riconosciuto dall’UNESCO come patrimonio dell’umanità ed è tra i più suggestivi dell’intera Germania. Cena in albergo.


Giovedì 16 luglio

A Wachtberg 85 km via Coblenza (dopo 25 km alla confluenza tra Reno e Mosella. Visita città in autonomia e pausa pranzo). Coblenza è il luogo in cui la Mosella incontra il Reno ed è chiamato dai tedeschi “Deutsches Eck”, cioè l’angolo della Germania. Da qui con una comoda teleferica è possibile raggiungere la piana dalla parte opposta del fiume e la fortezza di Ehrenbreitstein. 25 km dopo Coblenza, ad Andernach troviamo il geiser freddo più grande del mondo nel parco omonimo prima di arrivare a Remagen città famosa per il ponte che ha permesso agli alleati di sfondare sul fronte occidentale (vedi film Ponte di Remagen del 1969 con George Segal). A remagen chi vuole accorciare la tappa potrà utilizzare il bus per raggiungere l'albergo, altrimenti si continua lungo la ciclabile fino a Wachtberg dove pernotteremo in un hotel con vista sul Reno. Cena in albergo.


Venerdì 17 luglio

Wachtberg – Colonia 60 km via Bonn (che si raggiunge dopo 15 km, visita in autonomia. A Bonn chi vuole potrà visitare la Casa di Beethoven dove l’artista nacque nel dicembre 1770 e che contiene una delle più grandi collezioni dedicate al compositore. Dopo Bonn ci si sposta sul lato destro del fiume, semre lungo la ciclovia D8 e arrivo a Colonia nel primo pomeriggio. Carico bici in bus e cena libera



Sabato 18 luglio

In mattinata visita guidata a piedi di Colonia e della sua cattedrale. Colonia è l’unica città lungo il Reno che supera il milione di abitanti e si trova nel Nord-Reno Westfalia.

Si erge magnificamente sul fiume e la sua cattedrale è uno degli edifici più noti e visitati al mondo. Dopo la visita trasferimento in bus di avvicinamento all’Italia, sosta per la notte a Strasburgo dove arriveremo nel tardo pomeriggio.

Ultima cena di gruppo in ristorante in città.


Domenica 19 luglio

Viaggio in bus per il  rientro in Italia.

Anche al ritorno sono previste tappe a Verona e Milano prima dell’arrivo in serata a Vicenza.